Cambiare lavoro a 40 anni

Quante volte hai pensato di cambiare lavoro? Sei lì davanti al tuo computer con lo sguardo perso tra le righe a ripetere la stessa azione per più di un minuto. Ti domandi cosa ci fai ancora lì. Tra smart working e ferie arretrate, permessi che invecchiano e una gestione del tempo confusa. Non ti senti più a tuo agio in attesa di un futuro incerto.

E vogliamo parlare di soddisfazione? Ultimamente ti senti sempre allo stesso punto. Nessuna evoluzione e un ruolo che non ti senti più del tutto.

Il lavoro è cambiato. Cambiati sono i rapporti tra colleghi e anche l’organizzazione. Per anni hai sperato di scalare posizioni e di veder riconosciuto quel corso che hai frequentato. E invece, sei sempre lì.

E se ricominciassi da te?

Voglio cambiare lavoro a 40 anni

Per cambiare lavoro, è importante cambiare atteggiamento mentale. Smettere di vedere il lavoro come fosse qualcosa che cade dall’alto e aprire la mente a un nuovo approccio: il lavoro come opportunità di crescita.

Del resto abbiamo compreso che il lavoro è liquidi e ibrido. Non è più un luogo fisico ma è piuttosto una competenza. Faccio mia una bellissima espressione di Austin Kleon, tratta dal libro Tieni Duro edito da Vallardi:

“Lascia perdere ciò che stai cercando di essere (il sostantivo) e concentrati sul lavoro che devi fare (il verbo)”.

Come a dire se prendi i titoli professionali troppo sul serio, rimarrai legato e restringerai il campo di ciò che puoi realmente fare.

Il primo passaggio importante allora è guardarsi dentro e mettersi in ascolto:

  • ti senti valorizzato per le tue competenze?
  • ti soddisfa la tua posizione?
  • cosa è più importante per te: il posto fisso o la libertà di continuare a crescere?

Cosa dicono i dati

Secondo i dati riportati dal Randstad Workmonitor dedicato all’impatto del Covid19 sul mercato del lavoro, la paura di perdere il lavoro cresce negli italiani del 7%. Solo il 9% si mette attivamente alla ricerca di un nuovo posto. Il primo obiettivo resta proteggere lo stipendio, ma il 74% dei dipendenti sogna orari e luogo di lavoro più flessibili.

Ma c’è di più: il 29% degli intervistati pur di conservare il proprio posto sarebbe disposto ad accettare qualche compromesso, come una riassegnazione di ruolo in azienda. Il 21% cede alla cassa integrazione o a una riduzione di orario. Il 17% è disposto a fare più ore con la stessa retribuzione e per il 15% va bene anche perdere i benefit.

L’8% arriva ad accettare il taglio dello stipendio pur di conservare la fatidica stabilità.

Cambiare carriera a 40 anni è possibile

Se sei arrivato fin qui, l’argomento suscita il tuo interesse e ti ritrovi in almeno una delle condizioni sopra descritte. Allora vorrei rassicurarti, con tutte le “pinze” del caso: pensare a un nuovo lavoro a 40 anni è un’esperienza condivisa e perfino percorribile, se impari prima a conoscere come lavori e prepari una exit strategy.

Ed è qui dove posso aiutarti. Sono freelance dal 2012, quando ho deciso che avrei potuto investire parte del mio tfr per reskillarmi e tornare a competere sul mercato sotto un cappello diverso: il mio.

Del resto dopo i 40 anni, se non hai subito a portata la proposta di un’altra azienda, meglio che ti predisponi al cambiamento, perché sei percepito come troppo professionalizzato e quindi ad alto costo rispetto a risorse più fresche, meno costose e ancora forgiabili per una rinnovata organizzazione aziendale dopo la rivoluzione digitale.

Ecco cosa ti propongo. Cosa ne diresti di cominciare a valutare le tue competenze, scoprire i tuoi valori, affinare il tuo perché e prepararti a ripartire, anche da 0, con una presenza online a tua misura?

Ci tengo a dirlo, perché noi nativi analogici, mal sopportiamo il tutto online degli ultimi tempi. Abbiamo bisogno di relazioni, di contatto, di capire con i nostri tempi, prima di lasciare al web i nostri pensieri, fossero anche quelli dedicati alla nostra professione.

Come cambiare lavoro a 40 anni?

Ti giro la domanda e anzi ti invito a compilare questo breve quiz, dedicandomi 3 minuti del tuo tempo. Sono freelance e conosco bene il valore del tempo.

Per questo non mi sono concessa lungaggini inutili. Vorrei conoscerti meglio e capire sinceramente come posso esserti maggiormente d’aiuto.

Ho già incontrato manager che hanno trovato conforto in un percorso fatto su misura, che rispetta i loro tempi di apprendimento e le modalità di frequenza adattate alle loro giornate, con incontri uno a uno, su un periodo di 2 mesi.

Perché due mesi? Siamo onesti: il nostro cervello ha bisogno di almeno 21 giorni per accogliere un nuovo comportamento e renderlo una sana abitudine. E per alcuni, senza avere uno schema entro il quale muoversi, la motivazione tende a calare e i risultati si allontanano.

Al contrario, come sono riuscita a cambiare io, voglio accompagnarti in un percorso ibrido, on e off line, in cui mostrarti come fare e darti il tempo, subito, di sperimentare.

Così potrai prepararti a gestire il cambiare lavoro 40 anni con consapevolezza e qualche certezza in più.

Mi trovi su LinkedIn e su Telegram, dove puoi trovare utili risorse.

E se preferisci ascoltare, il mio podcast si chiama News per Freelance. Utile anche per chi vuole semplicemente acquisire la capacità di rimanere nel proprio ruolo con maggiore motivazione.

Vuoi votare questo articolo?
[( 0 ) 0 su 5]
Altro di tuo interesse...

Scrivi un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

* La spunta su GDPR è obbligatoria

*

Approvo (GDPR)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.